Stampa 

Redazione

San Marco in Lamis, sabato 28 marzo 2020 - La pandemia del coronavirus ha portato dei cambiamenti radicali nei nostri stili di vita, soli contro la tempesta di un emergenza sanitaria senza precedenti. Ognuno di noi, come citato dal poeta Alexis, diventa poesia dove rime baciate piene di musicalità riempiono il nostro animo fragile e debole che deve reagire per fare grande il futuro di tutti. A coronare questo momento storico le immagini di un Papa solo in Piazza San Pietro che prega per l'intera umanità.

 

 

 

Siamo Poesia

 

Si vive in una tempesta

piena di solitudine, in

un momento di solitudine.

 

Si è vulnerabile, individuo

insignificante.

Si detta il modo di essere,

di comportarsi, di vivere.

 

Il Papà seduto sulla sedia,

solo davanti al mondo, ha

pregato in un vuoto

desolante, in un silenzio

assordante di apocalittica

visione.

 

Ma noi siamo Poesia,

ciascuno di noi è una

strofa armonica, piena

di musicalità, con rime

perfettamente baciate.

 

Tutti noi siamo Poesia,

è Poesia la nostra Famiglia, l

a nostra barca in questa

tempesta.

 

Ogni giorno, pur lontani, ci

parliamo, vediamo, raccontiamo,

ci confortiamo per sentirci forti.

Insieme, siamo Poesia.

 

                                    Alexis Poeta sammarchese