Stampa 

Redazione

San Marco in Lamis, mercoledì 2 settembre 2020 - I Carabinieri di San Marco in Lamis hanno arrestato in flagranza di reato un ventenne, incensurato, del posto, per coltivazione di sostanze stupefacenti. I militari hanno trovato in un'impervia area demaniale del promontorio del Gargano, in località “Coppa Casarinelli” di San Marco in Lamis, un'estesa piantagione di cannabis indica composta da circa 800 piante dell’altezza media di 140 cm, ancora in fase di crescita.

Le piante venivano irrigate singolarmente da gocciolatoi regolabili “in linea”, alimentati da un impianto costituito da tubi di pvc collegati a tre cisterne da 1000 litri, a loro volta alimentate da un allaccio abusivo alla condotta idrica dell’Acquedotto Pugliese, che corre poco distante dal campo. Al fine di incrementarne la crescita, le piante venivano nutrite anche con sostanze concimanti di varia natura.

Scoperta la piantagione, dopo diverse ore è finalmente comparso un giovane, con il volto coperto da un passamontagna, il quale, dopo aver controllato lo stato delle piante, aveva aperto i rubinetti per l’irrigazione. Visti i militari ha tentato la fuga, venendo però immediatamente bloccato. Le 800 piante sono state estirpate e, con tutto il materiale per l’irrigazione, poste sotto sequestro. La marijuana sequestrata avrebbe fruttato alla criminalità un ricavo di oltre 300mila euro.