Stampa 

Mario Ciro Ciavarella Aurelio

San Marco in Lamis, lunedì 29 marzo 2021 -  Oramaje, tutte quante o quasa, jevene capite che Gese Criste jeva lu Figghie de Ddije. E pe farlu capì pure a quiddi ciocche toste che ancora non lu vulevene capì, li discepelu sova hanne fatte na penzata: de trascì a Gerusalemme ‘ntrionfe. Gese Criste sope nu ciucciaredde e li discepele ‘nturne ‘nturne cu tante palme ‘mmane.  “No”, dice Gese Criste, “non conviene fa na trasciuta de questa de matina e cu tanta palme ‘mmane, è megghie trascì a Gerusalemme de sera, quanne ce stanne cchiù crestiane e li messe so già ffenute.”

E accuscì fanne. Appena la scurda accumenza a ccalà sope e tutta la Giudeja, tutta la cumpagnia accumenza ad appiccià certe cose, larie a na ponta e strette all’ata. Questi cose fatte cu tanta lena messa avvunite, menevene strente cu delli cerchiune de ferre.

   Appena arrevate ‘nnate alli porte de Gerusalemme, li Fracchie (accuscì so state po chiamate dalli santemarchise) a juna a juna trascene inte lu paese. Li crestiane de quiddu poste, che non evene ma viste na cosa de quessa, so rumaste sbavettute. “Ma come, lu foche che camina? E questa strianizia chi l’ha penzata?”

  La precessione va sempe ‘nnanze fine e quanne arriva ‘nnante allu tempie de Gerusalemme, adova lu sacerdote cchiù rosse ajavuzanne la mane dice: “Ferme ddò, adova ve credite de ì cu quissi ‘mmerciune appicciate?”

 Gese Criste, che fine e quiddu mumente lu jevene sckattiate li mane tutte li crestiane che jevene viste quiddu foche che quasa quasa vulava, ascegne da sope lu ciucciaredde e ce avvucina allu prevete principale dellu tempie. E li dice: “Vide quistu foche come sbrilla e te acceca pure, se non te repara l’occhiera? Quistu foche è mmenute a truvà pure a vuja pe fareve capì che lu munne jave besogne de luce nova. La luce che fine e mo ha ‘llumenate tutte llu munne, è luce vecchia e cunzemata. Ogni tante ce vo foche nove e luce nova pe fa vedè li cose come stanne veramente.”

 Questi parole, quiddu bell’ome che senteva parlà a Gese Criste, non tante li capeva bone. Ma jeva capite sule na cosa: “Quistu me vo frecà lu poste.” E ne l’ha ditte pure a Gese Criste: “Cumpà, tu me sembra che da fore vu trascì inte: lu poste da te, non me ne facce frecà”.

 A quiddu punte da inte na Fracchia ajescene doi fiammelle, juna cchiù rossa e l’ata cchiù menenne, che ce mettene juna sope e ll’ata, facenne la forma de na croce.

  “Non te ne ‘ncarecanne” responne Gese Criste, “ognune sope ‘sta terra te lu poste sova, e lu stesse poste ce l’adda purtà pure dope. E i’ lu poste mia me lu stegne preparanne da quanne so nate. E questa croce de foche m’adda servì pe fareme truvà lu poste juste.”

  Dope queddi parole, la croce de foche che jeva ‘sciuta da inte la Fracchia, ce appoja sope na spadda de Gese Criste, e Criste stesse ce la strascine fine e inte lu tempie e l’appoja pe ‘nderra, dicenne: “Questa croce de foche facitela sta qua, pecchè tra poche jurne m’adda servì.”

 L’ati discepele viste che lu Maestre lore jeva fatte quedda cosa, penzene de trascì pure lore cu lli Fracchie e li mettene ‘nturne alla croce de foche, pe non farla tuccà da nisciune. E spianne la luntane e dallu javete, quedda cosa appariunata a quedda manera sembrava na corona de spine, e li tezzune che ogni tante ce ne cadevene dalli Fracchie, sembravene tanta gocce de sagne che sculavene a pisciaredde.

 A quiddu punte Gese Criste dice allu sacerdote cchiù rosse: “Li Fracchie faciteli sta qua, che po anna servì alla mamma mia pe irme truvanne tra poche jurne; cu lla scurda, cu llu maletempe e cu la via petrosa.”

 E dope poche jurne da quedda trasciuta  ‘ntrionfe a Gerusalemme, Gese Criste ve accise, e la mamma ce mette subbete ‘ncerca dellu sabbulecre adova steva sutturrate. Va dallu sacerdote che cumandava inte lu tempie e la ‘ddummanna adova stanne li Fracchie che lu figghie l’eva lenzate.

 “Qua de Fracchie non ce ne stanne: li Fracchie da sole ce ne so jute la via dellu sabbulecre de nu certe Geseppe d’Arimatea, fatte dice adova ce trova e a quiddu poste truve pure lu corpe de figghiete.”

 E accuscì fa la Madonna. E na vota che trova lu sabbulecre dellu figghie morte, vede tanta Fracchie messe ‘ncerchie. E la cosa strana jeva che dallu foche de queddi Fracchie, pe ‘nterra non cadevene li tezzone, ma cadevene delle gocce d’acqua, e jevene salate, come li lacreme che ascegnevene dall’occhiera della madonna.

 

Mario Ciro Ciavarella Aurelio

                                          

LA DOMENICA DELLE FRACCHIE

 Ormai, quasi tutti, avevano capito che Gesù Cristo era il Figlio Di Dio. E per farlo capire pure a quelle teste dure che ancora non si volevano convincere, i suoi discepoli pensarono di fare una cosa: di entrare a Gerusalemme in trionfo. Gesù Cristo su un somaro e i discepoli intorno con tante palme in mano.

  “No”, dice Gesù Cristo, “non conviene fare un’entrata così organizzata di mattina con tante palme in mano, è meglio entrare a Gerusalemme di sera, quando ci sono più persone e le funzioni religiose sono finite.

 E così fanno. Appena la sera inizia a calare su tutta la Giudea, tutta la compagnia inizia ad accendere certe cose, larghe da una parte e strette dall’altra. Queste cose fatte con tanta legna messa insieme, venivano strette con dei cerchioni di ferro.

 Appena arrivati davanti alle porte di Gerusalemme, le Fracchie (così sono state poi chiamate dai sammarchesi) una alla volta, entrano nella città. La gente di quel posto, che non avevano mai visto una cosa del genere, rimase moto sorpresa. “Ma come fa il fuoco a camminare? E questa grande magia chi l’ha pensata?”

 La processione continua a procedere senza intoppi fino a quando arriva davanti al tempio di Gerusalemme, dove il gran sacerdote alzando la mano dice: “Altolà, dove credete di andare con queste strane costruzioni accese?”

 Gesù Cristo, che fino a quel momento l’avevano acclamato e sostenuto tutte le persone che lo avevano visto con quel fuoco mobile che quasi volava, scende dal somaro e si avvicina al gran sacerdote del tempio. E gli dice: “Vedi questo fuoco come brilla e ti acceca anche, se non ti ripari gli occhi? Questo fuoco è venuto a trovare anche voi per farvi capire che il mondo ha bisogno di luce nuova. La luce che finora ha illuminato tutto il mondo, è luce vecchia e consumata. Ogni tanto abbiamo bisogno di fuoco nuovo e luce nuova per far vedere come stanno realmente le cose.”

 Di queste parole, quel signore che ascoltava le parole di Gesù Cristo, non capiva il significato. Ma aveva capito solo una cosa: “Questo mi vuole fregare il posto.” E questo pensiero glielo disse pure: “Compare, tu mi sembra che da fuori vuoi venire a comandare dentro casa mia.”

 A quel punto dall’interno di una Fracchia escono due fiammelle, una più grande e l’altra più piccola, che si incrociano mettendosi una sull’altra, formando la forma di una croce.

 “Non ti preoccupare” risponde Gesù Cristo, “ognuno su questa terra ha un suo posto, e lo stesso posto se lo porterà dopo la morte. E io il mio posto me lo sto preparando da quando sono nato. E questa croce di fuoco mi servirà per farmi trovare il posto giusto.”

 Dopo quelle parole, la croce di fuoco che era uscita dalla Fracchia, si appoggia su una spalla di Gesù Cristo, e Cristo stesso se la trascina fino all’interno del tempio e l’appoggia per terra, dicendo: “Questa croce di fuoco fatela stare qui. Perchè tra pochi giorni mi servirà.”

 Gli altri discepoli visto che il loro Maestro aveva preso quella iniziativa, pensano di entrare anche loro con le Fracchie e le mettono intorno alla croce di fuoco, per non farla toccare da nessuno. E guardando da lontano e dall’alto, quella composizione sembrava una corona di spine, e i pezzetti di legno accesi che ogni tanto cadevano dalle Fracchie, sembravano tante gocce di sangue che scolavano come rigagnoli.

A quel punto Gesù Cristo dice al gran sacerdote: “Le Fracchie fatele stare qui, che poi serviranno a mia madre per cercarmi tra pochi giorni; col buio, con il brutto tempo e attraverso strade sconnesse.” E dopo pochi giorni da quella entrata trionfale in Gerusalemme, Gesù Cristo viene ucciso, e la Madre subito si mette alla ricerca del sepolcro dove è stato sotterrato.

 Va dal gran sacerdote che comandava nel tempio e gli chiede dove stanno Fracchie che il Figlio le aveva lasciato. “Qui di Fracchie non ce ne sono: le Fracchie da sole se ne sono andate verso il sepolcro di un certo Giuseppe d’Arimatea, fatti indicare dove si trova e in quel posto troverai anche il corpo di tuo figlio.”

 E la Madonna così fece. E una volta trovato il sepolcro del Figlio morto, vide molte Fracchie disposte in cerchio. E la cosa strana era che dal fuoco di quelle Fracchie, per terra non cadevano dei tizzoni, ma cadevano delle gocce d’acqua, ed erano salate, come le lacrime che scendevano dagli occhi della madonna.

 

 Mario Ciro Ciavarella Aurelio

 

Tratto da: “Le Fracchie nella Passione di Cristo e nelle Leggende (moderne)”