Stampa 

Redazione

Monte Sant'Angelo - martedì 27 ottobre 2020 - Sale a 313 il numero dei Comuni certificati dall’Associazione “I Borghi più belli d’Italia”, che segna così un ulteriore traguardo nella sua opera di valorizzazione e promozione dell’Italia Nascosta. Ben quattro i nuovi borghi che hanno ottenuto il prestigioso riconoscimento tra questi anche Monte Sant'Angelo, a seguito di un iter di certificazione che premia il patrimonio artistico, storico e culturale, oltre a parametri riferiti alla tutela dell’ambiente, dell’accoglienza turistica e delle tradizioni locali.

Quattro nuovi Borghi che, tra Centro e Sud Italia, vanno ad arricchire la straordinaria varietà delle destinazioni turistiche rappresentate dall’Associazione, ciascuna con caratteristiche che la rendono unica e affascinante.

Ecco quali sono i 4 nuovi borghi ammessi ad ottobre 2020:

Il Borgo di Tropea affaccia sulla Costa degli Dei ed è definito “la Perla del Tirreno”.

La chiesa di Santa Maria dell’Isola, che sorge su una rupe emergente dal mare, è il simbolo di Tropea, candidata a capitale italiana della cultura 2022. Alle spalle di questo monumento che guarda la lunga spiaggia di sabbia e domina l’intreccio di strade e viuzze del centro storico, c’è l’azzurra immensità del Tirreno. Grazie alla sua posizione strategica, il Borgo ha sempre ricoperto un ruolo importante, sia in epoca romana che durante le successive dominazioni dei Saraceni prima e dei Normanni e degli Aragonesi poi.

Situata nel punto più elevato del Gargano, Monte Sant’Angelo è una sorta di “santuario naturalistico” che gode di una vista mozzafiato sul Tavoliere delle Puglie e sul golfo di Manfredonia ed è sede di ben due Siti Patrimonio UNESCO: le tracce longobarde nel Santuario di San Michele Arcangelo, meta di pellegrinaggi da tutto il mondo, e le faggete vetuste della Foresta Umbra.

Un Borgo che negli ultimi anni ha fatto incetta di riconoscimenti; nel 2014, il National Geographic inserisce la Sacra Grotta dell’Arcangelo Michele tra le 10 Grotte Sacre più belle al mondo; nel 2017 Skyscanner inserisce Monte Sant’Angelo tra le venti città più belle d’Italia; nel 2018 la guida verde Michelin assegna il massimo riconoscimento al centro storico, le tre stelle. Ultimo, ad ottobre 2020, l’ingresso nell’Associazione de “I Borghi più belli d’Italia”.

Monteleone d’Orvieto è uno dei Borghi più suggestivi nel “cuore verde d’Italia”. Un piccolo angolo di paradiso immerso in una natura autentica e selvaggia, che nasceva come castello del Comune di Orvieto a difesa del confine con l’allora Castel della Pieve e la Val di Chiana. Splendido il belvedere da Piazza del Torrione, così come il centro storico, con le antiche viuzze in cui domina il caratteristico colore rossastro degli edifici, dato dalla produzione dei laterizi (tuttora una delle attività principali di Monteleone). La Chiesa dei Santi Apostoli Pietro e Paolo è uno degli edifici di culto più belli dell’intera Valdichiana Romana.

Con un calendario ricco di appuntamenti dedicati alle tradizioni – come il Presepe vivente e le tante feste culinarie – il Borgo è anche uno dei centri più vivaci dell’Orvietano.

Il Borgo nasce su uno sperone tufaceo che affaccia sulla vallata del Tevere. Già abitato in epoca etrusca, divenne prima feudo e successivamente Comune legato alle dipendenze dirette della Santa Sede.

Molto particolare la vicenda della Torre dell’Orologio, una delle bellezze architettoniche da visitare nel Borgo, che venne costruita inglobando al suo interno il campanile dell’adiacente Chiesa di Santa Maria dei Lumi. La coesistenza delle due strutture è rimasta nascosta per secoli e fu scoperta solo negli anni Settanta, in occasione di lavori di restauro.

Sempre da non perdere, la visita alla Madonna della Quercia e alla Fontana Vecchia.

Il turismo nei dintorni offre spunti altrettanto interessanti, come Bomarzo e il famoso Parco dei Mostri, il borgo abbandonato di Chia, Vasanello e Soriano nel Cimino, alcune delle destinazioni più importanti della Tuscia e del viterbese.