Stampa 

Nicola M. Spagnoli

Roma, domenica 29 ottobre 2017 -  Al vertice del 1977 non poteva che esserci "Gudrun" il secondo ottimo disco dei Pierrot Lunaire con una nuova vocalist che non fa rimpiangere affatto la superba Donella del Monaco del primo disco che intanto diventa solista: la title track Gudrun comunque già da sola vale un'epoca. La Premiata Forneria con "Jet Lag" torna a volare alla grande, più evoluta, fresca ed accattivante, nel secondo disco americano con il nuovo, grandioso, vocalist Bernardo Lanzetti, veramente un lavoro da grandi professionisti, che nel panorama pre-agonizzante del Prog non poteva non piazzarsi al vertice.

 Franco Battiato quest’anno non produce il suo solito album di avanguardia però ha un rivale in Franco Leprino, un debuttante polistrumentista più elettrico ed eclettico del maestro, anche lui con due lunghissimi brani in Integrati…Disintegrati, ottimo assemblatore alla Cacciapaglia che però dopo il primo disco sparisce nel nulla. Gigi Venegoni, il leader dei gloriosi Arti e Mestieri che intanto si fermano ma che risorgeranno nel nuovo millennio, raccoglie intorno a se i migliori jazzman piemontesi e realizza un ottimo disco virato sentimentalmente più a sinistra da cui, almeno sembra, il titolo: Rumore Rosso.

Ritornano gli stili neo-romantici del primo Prog con un gruppo nuovo ed antico allo stesso tempo con due chitarre e due tastiere, la Locanda delle Fate, un nome e un titolo che sono tutto un programma e una sola prova, realizzata nell’anno ma pubblicata qualche anno dopo. I Nova danno alle stampe il secondo atto della loro trilogia (Wings of love) e Claudio Rocchi, dal suo eremo, non demorde, mentre uno sconosciuto Emilio Locurcio riesce a catalizzare intorno a se un bel pò di cervelli pop dell'epoca, compresi i Pierrot Lunaire, in un'opera-concept non capìta, e quindi non appoggiata, dai discografici.

Sempre più etnico ed elettrico il Canzoniere del Lazio  con un frenetico ritorno al ballo (popolare) mentre risentiamo il diabolico Bartoccetti dopo l'esperienza di cinque anni prima come Jacula, stavolta si chiama Antonius Rex (International magic group) in un disco dedicato alla strega "Zora", ma anche questa volta la magia nera non riesce a fare troppi proseliti. Peccato non abbia avuto seguito l'esperienza italiana di "Io Narciso io" melodicamente raffinata di Roberto De Simone che, dopo La Nuova Compagnia di Canto popolare, i Musicanova e La gatta Cenerentola, non riesce nel lancio personale.

Di rilievo ancora il ritorno solistico di Gianni Leone, tastierista del Balletto di Bronzo, che con "Vero" e un nuovo nome (Leo Nero) tenta di rinverdire gli antichi fasti mentre i Sensation’s Fix prolificano con più di un disco, ma per pochi appassionati.

 

Foto 2 

 

 

Foto 3 

 

 

 

 

 

 

 

 

1 - PIERROT LUNAIRE – GUDRUN                                                               € 200

2 - PREMIATA FORNERIA MARCONI - JET LAG                                                30

3 - VENEGONI & CO. - RUMORE ROSSO                                                        150

4 -  LEO NERO - VERO                                                                                 80

5 - NOVA - WINGS OF LOVE                                                                        100

6 - EMILIO LO CURCIO - L’ELIOGABALO                                                       100

7 - ANTONIUS REX - ZORA                                                                          100

8 – LOCANDA DELLE FATE - FORSE LE LUCCIOLE NON SI AMANO PIU’        50

9 – CLAUDIO ROCCHI – A FUOCO                                                               40

10 – AREA – ANTO/LOGICAMENTE                                                               35

11-ROBERTO DE SIMONE - IO NARCISO IO                                                150

12-SENSAZIONS'FIX - BOXES PARADISE                                                      25

13-DONELLA DEL MONACO - 12 CANZONI DA BATTELLO                               250

14-STEFANO TESTA - UNA VITA, UNA BALENA BIANCA ED ALTRE C.              180

15-CANZONIERE DEL LAZIO - MIRADAS                                                       90

16-ANTONIO VERDE – CALYPSO                                                                 40

17- NAPOLI CENTRALE - QUALCOSA CA NUN MORE                                      30

18-SENSATIONS'FIX - VISION FUGITIVES                                                     25

19-PENTOLA DI PAPIN - ZERO 7                                                            45

20-LEO NERO – VERO                                                                              110

21-PEPE MAINA - IL CANTO DELL'ARPA E DEL FLAUTO                                  45

22-SIGILLO DI HORUS - RENDEZ VOUS                                                       50

23-GROSSO AUTUNNO – ALMANACCO                                                       35

24-PIAZZA DELLE ERBE – SALTARANOCCHIO                                             50

24-COCAI - PICCOLO GRANDE VECCHIO FIUME                                        110