Stampa 

Comunicato Stampa

San Marco in Lamis, martedì 30 gennaio 2018 -  Non è riuscito l'aggancio in classifica per l'Asd San Marco al cospetto del Ginosa, restano dunque invariati i tre punti di distacco tra le due compagini, ma con i celeste granata con una partita da recuperare. Altra gara interna con tanto di rammarico per non averla chiusa e terminata poi in parità. Uno a uno il risultato finale con bomber Salerno per i ragazzi del presidente Martino e La Salandra per i ginosini. Bella partita tra due ottime squadre e risultato che lascia l'amaro in bocca ai locali per aver sbagliato un rigore con Salerno sull'1 a 0 già maturato e realizzato dallo stesso bomber.

 

PRIMO TEMPO

Partenza sprint per i ragazzi di mister Iannacone che fin dai primi minuti mettono sotto gli ospiti costringendoli ad abbassarsi con tutti gli uomini nella propria metà campo. Al decimo Quitadamo salta tre avversari e mette al centro, ma il portiere è bravo ad anticipare Salerno. Dopo due minuti Salerno ci prova dalla distanza e il portiere para in due tempi. Al quindicesimo Quitadamo salta il diretto avversario e calcia in porta mandando al lato di poco. È il preludio al meritato vantaggio che arriva puntuale dopo due minuti. Melchionda recupera palla e lancia millimetricamente Salerno il quale brucia il diretto avversario in velocità e di testa realizza per la gioia dei tantissimi spettatori presenti. Continua la furia celeste granata e al venticinquesimo su azione da corner di Quitadamo mister Iannacone ci prova al volo da fuori sfiorando l'incrocio dei pali. Al quarantesimo minuto il primo squillo con un attaccante ginosino che da posizione defilata calcia sul primo palo, ma l'eterno capitan Coppola non si lascia sorprendere deviando in corner. Termina così il primo tempo.

SECONDO TEMPO

Dopo due minuti in mischia un calciatore ospite calcia in porta costringendo capitan Coppola ad un non facile intervento. Dal quinto minuto al ventesimo saranno tante le ripartenze non sfruttate da Salerno e soci. Al quinto Salerno ruba palla al portiere e calcia frettolosamente in una porta ormai sguarnita senza imprimere la forza necessaria. Al decimo Quitadamo supera l'avversario e calcia in porta debolmente da buona posizione permettendo al portiere di parare facilmente. Al ventesimo minuto l'episodio che avrebbe probabilmente chiuso la contesa. Punizione dal limite di Iannacone che finta il tiro e serve Salerno che controlla e solo davanti al portiere si lascia ipnotizzare, sulla respinta si avventa Coco che al momento della battuta viene steso per il sacrosanto rigore. Sulla palla si presenta bomber Salerno che centra in pieno la traversa. I nostri celeste granata sembrano non accusare il colpo e la partita scorre senza ulteriori sussulti. A dieci minuti dal termine da un errato disimpegno in mezzo al campo nasce l'azione del pari di La Salandra. Negli ultimi dieci minuti ci prova De Cesare di testa su corner di Quitadamo mandando al lato. Poi Salerno da buona posizione calcia alto. Termina così una gara che ai punti i nostri beniamini avrebbero certamente meritato di vincere, ma purtroppo si torna a casa con l'ennesimo regalo confezionato agli avversari. Il treno dei play off si allontana, ma c'è ancora la possibilità di salirci. Forza ragazzi si può fare.

Le parola di mister Iannacone: "Avevamo messo in conto che non saremmo stati brillantissimi considerando che è da quindici giorni che non facciamo una partita, ciononostante abbiamo interpretato bene la gara contro una buona squadra. Dopo il vantaggio abbiamo avuto diverse occasioni e ripartenze per poterla chiudere, ma non siamo stati abbastanza cinici. Il campionato è molto difficile, può succedere ancora di tutto".