Mario Ciro Ciavarella Aurelio

San Marco in Lamis, lunedì 17 agosto 2020 -  Arrivavano puntualmente il primo di Agosto e andavano via l'ultimo giorno dello stesso mese. Su un pulmino rosso, forse della Volkswagen. E quando scendevano, da lì dentro, ne contavamo almeno una decina!! Il capofamiglia, la moglie, i figli, cognati e cognate, nipoti e anche pronipoti, e quasi sempre un ospite che se lo portavano dietro dal Belgio.

Mario Ciro Ciavarella Aurelio

San Marco in Lamis, venerdì 14 agosto 2020 -  Quando iniziai a fare le radiocronache dell'ASD San Marco per Radio 102 Cattolica San Bernardino, non pensai che il livello espresso dalle squadre  in campo fosse così interessante. Ventidue calciatori che correvano quasi senza sosta, entrambe le squadre in campo che non si arrendevano mai,  anche se il risultato fosse stato molto sfavorevole a una delle due squadre a pochi minuti dalla fine dell'incontro.

Mario Ciro Ciavarella Aurelio

San Marco in Lamis, venerdì 14 agosto 2020 - Il rumore caratteristico ti faceva capire subito che quello che stavi guardando non era “professionale”. Ma un qualcosa di quasi arrangiato, giusto per fare, per mettere anime e corpi su un sostegno che rimanesse nel tempo. E il rumore era quello del proiettore che sparava su un muro, un filmato, o per essere più precisi: un filmino. Un piccolo film che durava non più di mezz’ora, dove si vedevano anche centinaia di persone. Mute. Che spesso salutavano dentro la camera (da presa). Tutte sorridenti, anche perché, quel giorno, si mangiava bene!

Michele Schiena

San Marco in Lamis, martedì 11 agosto 2020 -  La  scomparsa di Michele Ceddia ci addolora immensamente. Un uomo buono, onesto, operoso, amato e stimato da tutti, che lascia sulla terra le tracce delle sue innegabili virtù.  La perdita di una persona cara, che sia un familiare o un amico, segna profondamente l’esistenza di ognuno di noi. Giovanissimo, appena diciottenne, è emigrato in Australia, dove ha soggiornato per circa cinque anni svolgendo con serietà e applicazione il mestiere di sarto. Tornato in Italia, è costretto a rinunciare al richiamo dell’estero per amore.

Fra Le Nuvole
San Marco in Lamis, lunedì 10 agosto 2020 - Un souvenir da regalare e regalarsi per assaporare profumi ed emozioni della nostra terra. Una nuova idea regalo nasce dalla collaborazione tra i titolari del negozio "Fra le nuvole" e l'azienda zootecnica Siciliano di San Marco in Lamis che si adoperano nel lancio di un prodotto volto a valorizzare i sapori e le tradizioni del paese. Un caciocavallo ottenuto dal buon latte del bestiame al pascolo e lavorato a mano dal maestro casaro Angelo, che ha fatto del suo lavoro un'arte, avvolto in un canovaccio lavorato artigianalmente con un pregiato filato di lino e cotone che "disegna la Fracchia, la Padula, lu Cumment ". Vi aspettiamo per condividere l'iniziativa pressi i nostri punti vendita.

di Luigi Ciavarella

San Marco in Lamis, lunedì 10 agosto 2020Gerardo Giuliani è di San Marco in Lamis (Gargano) ed è un vero artista nella nobile arte nella ricostruzione dei particolari paesaggistici in miniature del suo paese (e non solo scorci) e lo fa con rara precisione e grande maestria. Una genialità e una passione di indiscutibile valore.

Antonio Daniele

San Marco in Lamis, lunedì 10 agosto 2020  - Segno di Speranza anno 2020 a Lucia Ruggieri.  Nell'ambito della serata dedicata a Joseph Tusiani e Francesco Paolo Borazio che si terrà in Villa comunale il 10 agosto 2020, ci sarà la consegna del Premio Segno di Speranza a cura del comitato festa San Marco Evangelista. 

Comunicato Stampa

San Marco in Lamis, sabato 8 agosto 2020 -  Dopo il successo di pubblico degli spettacoli tenuti nella Villa comunale di San Marco in Lamis il 30 luglio, “Adesso basta poesie d’amore, e diamoci dentro”, di e con Guido Catalano e del 3 agosto, “Il diario di Adamo ed Eva”, con Barbara De Rossi e Francesco Branchetti, l’associazione Ja’ e il Comune di San Marco in Lamis propongono due eventi che verranno ospitati sempre nella villa comunale.

Michelanagelo Lombardi

San Marco in Lamis, martedì 4 agosto 2020 - Nei giorni 5, 6 e 7 agosto 2020, nella villetta comunale, si terrà la Festa de l'Unità, organizzata dal Partito Democratico di San Marco in Lamis. La festa, come ogni anno, ospiterà punti informativi, dibattiti, musica e gastronomia. Tra gli ospiti, saranno presenti il sottosegretario Francesco Boccia e l'on.le Michele Bordo, il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano e l'assessore regionale Raffaele Piemontese.

Mario Ciro Ciavarella Aurelio

San Marco in Lamis, martedì 04 agosto 2020 - (Anche in questo caso, il titolo in dialetto è d'obbligo...)Dalla nascita della Repubblica fino agli anni '70, quando si chiedeva un favore, bisognava recarsi in una delle sezioni come quella nella foto. Era la DC (Democrazia Cristiana) che suggeriva chi potesse essere utile ad ogni tipo di lavoro. Non era l'unico partito che dava delle direttive, ma era quello più indicato.

Ludovico Delle Vergini

San Marco in Lamis, sabato 1 agosto 2020 -  “Questa terra è CASA NOSTRA” è il grido che vogliamo continuare a lanciare il 9 agosto, presso la stazione di San Marco in Lamis, a partire dalle ore 8.00, sottolineando e rilanciando la bellezza come strumento per contrastare la violenza. Sono passati tre anni dalla strage mafiosa in cui Luigi e Aurelio Luciani, cittadini e lavoratori esemplari, hanno perso la vita. In questi tre anni, di certo, non è passata la disperazione e la rabbia che ha colto senza preavviso la famiglia delle vittime innocenti e la cittadinanza intera.

Mario Ciro Ciavarella Aurelio

San Marco in Lamis, venerdì 31 luglio 2020 - (Anche in questo caso il dialetto è d'obbligo... la sediolina descritta in sammarchese, dà segni di vita!!) La discrezione di certi oggetti a volte è proverbiale. Come quella di un macinacaffè: finchè non viene “messo in moto” non dà fastidio a nessuno. Oppure un ombrello chiuso: difficilmente lo si riesce a trovare subito, se non è stato riposto nel portaombrelli, ma una volta aperto... largoooo!! Ma la sediolina per il mare forse non ha rivali, in fatti di riservatezza e poi “allargamento sociale”